BANDO STAGIONE 2016-17

ON LINE IL BANDO PER LA SELEZIONE DELLE PROPOSTE PER LA NUOVA STAGIONE

Bando Trastevere 2016-17.pdf
Documento Adobe Acrobat [89.3 KB]
comunicato stampa LETTERA.jpg
Immagine JPG [520.9 KB]

BOTTEGHINO

FANTASTICHE VISIONI

INTERI        10

RIDOTTI       8

MISERIA E NOBILTA'

INTERO 10

RIDOTTO 8

 

TEATRO TRASTEVERE

 

Via Jacopa de' Sette Soli 3 00153 Roma

065814004

DAL 17 AL 22 MAGGIO 2016

Orario spettacolo:  Ven– Sab ore 21, Dom. ore 18

FANTASTICHE VISIONI

Di Giuliano Scabia, Regia Maria Teresa Di Clemente

Con: Domizia D’Amico, Francesco Maria Orlando, Carmine Paraggio, Alessia Pattumelli, Alberto Penna

Dal cielo cala il Teatro Vagante: gli attori della compagnia della Fantastica Visione tornano sulla terra dopo aver visto gli Dei. Vogliono raccontare gli Dei e raccontano invece un giallo che porta scompiglio nella pacifica comunità dei Ronchi Palù. Le indagini del brigadiere Deffendi e dell’appuntato Cartura si alternano alle vicende di altri personaggi e alle riflessioni sull’umanità, sul perché dell’ingiustizia , delle disuguaglianze, delle guerre. Le vicende si intrecciano con il leitmotiv “cos’è la Poesia” e le risposte a questo interrogativo sono sempre sorprendenti e mai banali.

DAL 24 AL 29 MAGGIO

MISERIA E NOBILTA'

Di Edoardo Scarpetta, Regia Fabrizio Caperchi

Due famiglie convivono sotto lo stesso "poverissimo" tetto.
La trama della commedia gira attorno all'amore del giovane nobile Eugenio per Gemma, figlia di Gaetano, un cuoco arricchito. Il ragazzo è, però, ostacolato dal padre, il marchese Favetti, che è contro il matrimonio del figlio per via del fatto che Gemma è la figlia di un cuoco. Eugenio si rivolge, quindi, a Pasquale per trovare una soluzione. Su invito del ricco rampollo della nobiltà, Pasquale e Felice, un altro spiantato, assieme alle rispettive famiglie, si presteranno ad inscenare un’improbabile finzione.
Si introdurranno a casa del cuoco interpretando i componenti della famiglia del giovane blasonato, nel comicissimo tentativo di convincere il padre di una bella ragazza (ricco e plebeo) ad acconsentire alle nozze.
La situazione si ingarbuglia poiché anche il vero Marchese Favetti è innamorato della ragazza, al punto di frequentarne la casa sotto le mentite spoglie di Bebè.
Ci si trova a ridere, di quel riso amaro che fa da sfondo al tema della povertà e che giustifica ogni espediente: una “miseria vera”, come recita appunto una battuta della commedia.

 

invertissero i ruoli: se fosse Malefica ad essere vittima della puntura del fuso di un arcolaio tramata
dalla Bella Addormentata per sfuggire alla sua maledizione....o se fossero i 7 nani a dover essere
salvati dalle grinfie di Grimilde e Biancaneve si trovasse all'improvviso ad indossare le vesti di una
eroina guerriera !!!!!!
...
.insomma...una divertente e grottesca inversione di ruoli fa da TRAMA a questa strampalata
pièce “
Il Bello...e la Bestia”,
dove il tradizionale principe, trasformato attraverso una stregoneria in
un mostro selvaggio, è in questa versione in realtà una Principessa...che per tornare ad essere tale
dovrà aspettare il bacio d'amore di un “buffo e comico fanciullo”... che tra strani incontri e bizzarre
avventure la libererà dall'incantesimo!!!!!